Cerca

Ipse Dixit

  • PROF. D'AMICO (riferendosi al fatto che Palermo dopo le vacanze di Natale non è ancora rientrato): Scusate...ma per vedere Palermo...bisogna aspettare il disgelo?

Un tempo le persone avevano determinati punti di ritrovo, fori o teatri, piazze, che avevano finalità ricreative, di svago oppure di propaganda politica, o più semplicemente era luogo di banali incontri tra amici. Fori, teatri, scuole filosofiche erano le fabbriche di miti, creavano personaggi dalle più alte virtù che la popolazione potesse emulare.

Cambiano i tempi, cambiano i miti: oramai, con l'avvento della televisione che inizialmente era un bene di lusso destinato alle famiglie altolocate e che ora è a portata del 95% della popolazione degli stati industrializzati, mito è diventato sinonimo di famoso e l'industria dello "star system" ha fatto sì che nazioni come gli USA o l'India si arricchissero enormemente grazie alla nascita di veri e propri mercati, come Hollywood e Bollywood.

“I videogiochi sono arte? Certo che lo sono” (Paola Antonelli). La responsabile del MoMA (Museum of Modern Art) di New York, nel 2012, annunciava così sul blog, l’acquisizione di 14 videogame  di grande successo: Pac Man (1980), Tetris (1984), Myst ( 1993) e Canabalt ( 2009) e altri. Oggi la collezione permanente ha raggiunto i 22 titoli. Tra questi ci limitiamo a ricordare Minecraft ( 2012), che ha venduto con il suo "universo immaginario fai da te" oltre 33 milioni di copie, e il “vintage”, Asteroids (1979), uno dei videogiochi più famosi della storia.

In questo momento di crisi economica e quindi lavorativa i giovani sono sempre più disposti a rivolgere il proprio sguardo altrove, fuori dall’Italia, e ad immaginare la propria vita lontano da casa. Questo fenomeno, come molti eventi che accadono nella storia, ha dei precedenti; basti pensare ad esempio agli anni del dopoguerra quando uomini ma anche donne si trasferirono dal sud Italia al nord in cerca di lavoro.

Attualmente, sempre più spesso , si sente parlare di droga come di una problematica legata ai giovani,  che ricorrono all'uso di stupefacenti già in età precoce. Gli adolescenti, nel  maggior numero di casi , iniziano a fare uso di queste sostanze in quanto si lasciano trascinare dalla massa,  per non venire esclusi dal gruppo, non pensando però alle conseguenze disastrose che la droga ha sulla loro salute.

Mio padre, fino a poche settimane fa, raccontava sempre le avventure che aveva vissuto da diciottenne. Mi narrava dell'amore che aveva appena conosciuto, mia madre, e di come la lontananza durante l'anno di leva non avesse interrotto i loro sentimenti. Mi descriveva per filo e per segno ogni istante, ogni risata, ogni avversità che aveva affrontato con i suoi compagni d'armi. I piegamenti collettivi, la doccia fredda, la perfetta organizzazione di ogni momento della giornata.... Non potevo capire, anzi, spesso ridevo delle cose che mi raccontava da quanto mi parevano assurde. Ora tutto è cambiato. In due mesi di Accademia Navale ho avuto il piacere di provare di persona le esperienze che già erano capitate a mio padre e posso solo dire che sono tutte meravigliose. Sono certamente alternative ed inconsuete per un giovane d'oggi, ma non passa attimo che io non smetta di credere in quello che rappresentiamo.